logo

le scarpe della sposa

Spose di Marco buongiorno e buon inizio settimana?

A che punto siete con le scarpe?
Come ben sapete sono un accessorio fondamentale per la buona riuscita del grande giorno, del resto dovranno essere comode dal momento che le indosserete per tutta la giornata ma anche bellissime e abbinate all’abito che indosserete.

Negli ultimi anni ne ho viste di tanti modelli e colori, ve ne presento qualche modello…scrivete nei commenti cosa ne pensat

1. Individuare il colore giusto

In qualsiasi outfit le scarpe rappresentano sempre un accessorio di spicco ma comunque secondario all’abito. Prima di procedere con l’acquisto delle calzature quindi è necessario avere già un’idea chiara sulla mise che si indosserà! Al di là dello stile, che può essere interpretato in maniera del tutto personale, ciò su cui il bon ton proprio non transige è la scelta del colore delle scarpe da sposa. Deve essere perfettamente abbinato all’abito, nella stessa precisa sfumatura di bianco o nello stesso sottotono, distinguendoli tra freddi e caldi.
Quando il bianco presenta una componente fredda le scarpe dovranno essere di tonalità altrettanto fredde, stessa regola ma al contrario invece per la predominanza di sfumature calde. Lo stesso discorso si può fare per gli abiti da sposa colorati e alternativi: anche in questo caso la tonalità delle calzature vi si dovrà abbinare in modo idilliaco senza creare contrasti stridenti.

2. Prediligere materiali di qualità
Per affrontare una lunga giornata e viverla al meglio senza preoccupazioni, le calzature per la sposa dovranno prima di tutto essere comode! Sarebbe davvero un errore però affermare che tutte le scarpe eleganti da donna con tacco alto siano poco pratiche, anzi molto spesso può anche accadere che quelle basse siano ben più fastidiose. Tutto dipende infatti dal materiale di realizzazione: sempre meglio optare per pellami morbidi e traspiranti, come il capretto, o per il raso, un must negli outfit nuziali. Assolutamente banditi tutti i materiali sintetici che, oltre a non essere adatte per un matrimonio, fanno sudare il piede causando gonfiori!

3. Fare attenzione all’altezza del tacco
La scelta della corretta altezza del tacco spesso genera panico e smarrimento in molte future spose: cosa prevede il galateo? E quali sono le norme da seguire? Tra opinioni divergenti e gusti personali si potrebbe creare un po’ di confusione, ma in realtà si può semplificare tutto in poche semplici regolette. La prima è la proporzione tra l’altezza della sposa e del suo futuro marito che non deve essere troppo sbilanciata, quindi no a tacchi vertiginosi se l’uomo è di statura bassa. Successivamente si può prendere in considerazione l’aspetto pratico e quindi la comodità delle diverse tipologie di tacco, una componente molto soggettiva che varia da donna a donna.
E infine l’esperienza, ovvero la capacità di saper camminare sui tacchi! Nessuna futura sposa nasce su un tacco 12, ma con un po’ di pratica e qualche esercizio casalingo di portamento, tutto diventerà più semplice.

4.Identificare lo stile
Così come gli abiti anche le scarpe dovranno essere in un’armonia equilibrata con il tema delle nozze. Non esiste la calzatura perfetta, tutto varia a seconda del tipo di cerimonia e del luogo dove si svolgerà! Per delle nozze formali, celebrate in un ambiente solenne, le scarpe dovranno senza dubbio essere abbastanza classiche e rigorose, senza dettagli particolarmente originali. Ma se la futura sposa ha scelto di pronunciare il “fatidico sì” in riva al mare o di festeggiare a bordo piscina, dei preziosi sandali gioiello sono quanto di maggiormente consigliato.
Da non trascurare inoltre il carattere e lo stile distintivo della donna: le sue scarpe nuziali dovranno essere un ritratto veritiero della sua personalità e su questo punto non esiste alcuna regola del bon ton che possa impedirlo!

5. Trova la misura corretta Come ci illustra una celebre fiaba disneyana, la scarpetta di cristallo appartiene a una principessa soltanto! Nonostante questo insegnamento, a chi non è mai capitato di voler per forza comprare un paio di magnifiche calzature anche se la taglia non era quella esatta? Ecco, per il giorno del matrimonio tutto ciò non dovrà assolutamente accadere. Sarebbe davvero infattibile affrontare l’intera giornata indossando scarpe troppo larghe o decisamente piccole. Per andare sul sicuro e scongiurare qualsiasi tipo di errore è sempre preferibile provare le calzature a fine giornata, quando i piedi sono generalmente più gonfi. Così facendo sarà subito facile immedesimarsi nel giorno delle nozze e capire se la scarpa risulterebbe troppo stretta o fastidiosa!

6. Infine Stabilire l’impatto sul budget
Se dopo questi primi cinque suggerimenti sei convinta di aver capito come scegliere le scarpe da sposa senza commettere alcun errore, ora non ti resta che affrontare l’ultimo step, il più dolente: quello relativo al budget! Come tutte le spese, anche le calzature per il matrimonio avranno un impatto sull’importo totale, meglio quindi stabilirlo con anticipo. Prevenire è meglio che curare, e non è mai piacevole quando ci si innamora di un paio di sfarzosi sandali da sposa ma poi si è costretti a rinunciarvi per l’elevato costo.
Prima di iniziare il giro per negozi individua già quanto potrai spendere e se la cifra delle splendide scarpe che hai adocchiato sforerà il budget, potrai sempre fare gli occhioni dolci al tuo futuro marito e rivedere gli altri costi!
Sei imperdibili consigli per un solo paio di scarpe, cosa chiedere di più? Prima di concludere però vorremmo lasciarti un ultimo suggerimento. Quando avrai individuato le scarpe alle quali pronunciare il tuo “sì, le voglio” fai una prova con l’abito da sposa che hai già scelto. Solo così capirai esattamente l’effetto finale e potrai iniziare a sognare ad occhi aperti il tuo tanto atteso matrimonio!

A presto e condividi con una tua amica che si sposa!

ciao ciao,
Marco

  • Share

Comments are closed.