logo

Trash The Dress

Trash The Dress

E’ la moda del momento by USA – Trash The Dress – indossare di nuovo l’abito bianco per un servizio fotografico veramente unico e particolare in una location diversa da quella del matrimonio senza preoccuparti di come concerai il tuo vestito…mare, piscina, campi, boschi, nel capannone dismesso, ogni luogo è valido per la tua sessione trash the dress.

L’abito da sposa è da sempre metafora del potere dato da convenzioni e formalità, radicate in un’identificazione di genere cristallizzata nel vissuto quotidiano e nel tessuto culturale umano ad ogni latitudine. Il feticcio ordito da trame solitamente biancastre è  di per sé un personaggio, una maschera, una giustapposizione al corpo della sposa; simboleggia un legame e quasi un’adesione alla costruzione di uno status e talvolta all’incosciente o inconsapevole costrizione che implica una condizionata scelta. Questa riflessione diviene spunto per una performance, nell’immediata esperienza del trash the dress, che ha già trovato ampia diffusione nel mondo della fotografia e che consiste nella distruzione ovvero nella lotta all’ipocrisia legata a quello che viene sommariamente identificato come un abito, in cui ogni donna da sempre ha riposto aspettative e speranze. L’amuleto del per sempre viene pertanto bruciato, sadicamente seviziato attraverso una procedura catartica e liberatoria.

Pensa alla libertà di poter sporcare l’abito, di poterti abbandonare e sentirti te stessa per fare delle fotografie esclusive completamente diverse da quelle scattate nel giorno del matrimonio, senza contare la possibilità di creare una storia, una trama comunque originale.

PRENOTAMI RESTA AGGIORNATO SU FACEBOOK